Home News E segna sempre lui, il primo Re di Roma fu biancoceleste

E segna sempre lui, il primo Re di Roma fu biancoceleste

1

La prima volta in cui i tifosi riuscirono a cambiare la decisione già presa da parte della società di vendere un proprio giocatore, la vittoria del cuore e della passione sul vile denaro

“E segna sempre lui e segna sempre lui” era il coro che riecheggiava nella Curva Nord della Lazio ogni volta che Beppe Signori scendeva in campo. Sì perché la rete dell’attaccante biancoceleste arrivava quasi ogni domenica come una sentenza. Quell’estate del 1995 quando il presidente dei capitolini Sergio Cragnotti annunciò la cessione dell’idolo dei laziali al Parma, più di un cuore si era fermato. Il folletto lombardo era stato incoronato Re di Roma, grazie al suo magico sinistro aveva vinto già due volte la classifica marcatori, il primo anno con 26 goal, il secondo con 23. Inevitabile che la notizia portasse scompiglio fra i tifosi biancocelesti che si diedero appuntamento in 5mila sotto la sede della Lazio di allora, a via Novaro, per protestare. Furono centinaia le confezioni della Parmalat distrutte in strada, soprattutto dopo che Callisto Tanzi aveva confermato la conclusione della trattativa.

A questo punto entrò in gioco il buon Dino Zoff, braccio destro di Cragnotti, che rifiutò di firmare l’accordo e si schierò a fianco dei tifosi minacciando addirittura di dimettersi se Beppe-gol non fosse stato tolto dal mercato. Alla fine la spuntarono il Mito e la gente laziale, il numero 11 biancoceleste rimase nella capitale e Cragnotti diramò un comunicato durissimo: “Signori resta, ma io vendo la Lazio”. Il capitano vinse nuovamente la classifica marcatori, ma con l’avvento di Eriksson non trovò più posto nella formazione titolare e nel 1997 venne venduto alla Sampdoria dopo 152 partite e 107 centri in Serie A con l’aquila sul petto. Nella grandissima Lazio che stava nascendo c’erano talmente tanti campioni, da riuscire a mettere in disparte il Re di Roma, che continuò a fare grandi cose anche al Bologna dal 1998 al 2004.

FOTO: LazioChannel.it

Marco Fabio Ceccatelli

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.