Home News Doppia faccia Inter, il Torino rimonta i nerazzurri sul 2-2: analisi e...

Doppia faccia Inter, il Torino rimonta i nerazzurri sul 2-2: analisi e pagelle

0
Fonte www.toronews.net

Dopo un primo tempo ai limiti della perfezione la squadra di Spalletti spegne la luce e si fa riprendere dai granata nella ripresa, rischiando anche di perdere

Doveva essere la partita della ripartenza, si trasforma in quella degli interrogativi. L’Inter vista nei primi quarantacinque minuti, quasi da stropicciarsi gli occhi, si scioglie nel secondo tempo grazie anche alla reazione del Torino. Spalletti sceglie la difesa a tre, esordio dal primo minuto per Vrsaljko e Perisic.

Pronti via al 7′ è subito vantaggio nerazzurro: Icardi, attivissimo fuori dall’area, raccoglie un pallone sull’out di destra e lo scaraventa in mezzo per Perisic che di prima intenzione fulmina Sirigu. Gol bellissimo e vantaggio per i padroni di casa. L’Inter gioca e al minuto quindici una bella combinazione Asamoah-Icardi-Politano porta quest’ultimo a concludere di testa l’ottima sponda del capitano, Sirigu c’è. Il raddoppio è nell’aria e arriva puntuale poco dopo la mezz’ora: punizione velenosa di Politano dalla destra, De Vrij giganteggia e devìa il pallone alle spalle dell’estremo avversario, 2-0. Il Toro non esiste, in balìa dei nerazzurri gli uomini di Mazzarri si rendono pericolosi solo all’ultimo minuto con una punizione di Iago Falque di poco fuori.

Nella ripresa ci si aspetta il controllo da parte dell’Inter ma si nota subito che i padroni di casa sono entrati in campo molli e gli ospiti prendono campo. Al decimo ecco la fiammata decisiva: lancio di Falque da metà campo a scavalcare la difesa, Belotti si infila tra le maglie disattente e un’uscita suicida di Handanovic fa il resto. Porta spalancata e l’attaccante accorcia le distanze. L’Inter si sgretola minuto dopo minuto, il centrocampo è nullo, il pallone è sempre granata. A metà seconda frazione arriva il naturale pareggio: azione insistita in area nerazzurra, il pallone viene messo fuori, Meitè lo controlla, evita Perisic in scivolata e conclude, De Vrij sporca la traiettoria e un Handanovic ancora imperfetto accomoda il pallone in rete, 2-2. I cambi di Spalletti non svegliano una squadra in coma profondo, gli uomini di Mazzarri provano a vincerla. Belotti e Ljajic ci vanno vicini di testa e con un tiro che Handanovic mette in angolo. Doppia occasione anche per l’Inter ma è bravo Sirigu a mettere in angolo una conclusione di Perisic, Icardi spara alto un buon pallone all’ultimo secondo. Finisce 2-2 e qualche fischio compare a San Siro.

Come ai tempi di Gasperini e De Boer un punto solo dopo due giornate di campionato. La rosa c’è, il primo tempo di stasera era stato incoraggiante ma il problema di questa squadra è la testa. Spalletti lo sa e dovrà fare qualcosa in breve tempo.

Molto positivi i segnali per il Torino di Mazzarri, dopo l’ottima prova contro la Roma il secondo tempo del Meazza ha messo in luce le importanti qualità della squadra. Molto bene i nuovi Izzo, Meitè e Ola Aina. Lo spirito Toro c’è e si vede.

Uno Spalletti non proprio soddisfatto ai microfoni nel dopo partita: “Abbiamo preso il primo gol del Torino in un modo difficile da spiegare: siamo stati sorpresi da un lancio lungo. Poi subentrano pressioni, la testa di questa squadra importante ne sente tante. È preoccupante. Anche l’anno scorso, quando abbiamo perso il primo match, è stato difficile rimanere in partita: in certi momenti questa squadra perde qualsiasi connotato”. Poi aggiunge: “Si è fatta una brutta partita a Sassuolo, stasera abbiamo preso un gol banale e ci siamo persi dietro questo. Se le considerazioni si fanno dopo una partita come quella con il Sassuolo, siamo l’anti-nessuno. Se si gioca così siamo l’anti-nessuno”.

Pagelle

Handanovic 4,5: spettatore nel primo tempo, disastro nel secondo. Incomprensibile uscita sul gol di Belotti, incerto sul tiro deviato di Meite, una buona mano al Toro arriva da lui.

D’Ambrosio 5,5: prima frazione quasi impeccabile, nella ripresa comincia perdendosi Belotti che lo infila, la partita continua sui binari dell’incertezza.

De Vrij 6,5: primo gol in maglia nerazzurra e sicurezza dietro, sorpreso dal ritorno dei granata.

Skriniar 6: solita sicurezza dell’anno scorso, il Torino trova impreparato anche lui nella ripresa.

Vrsaljko 5,5: ancora timido ma qualche buona sgroppata nel primo tempo, un duro colpo e la condizione precaria ne condizionano la prestazione (dal 27′ del s.t. Keita 6: prova a creare ma senza incidere).

Vecino 5: ancora non convince nel primo tempo, surclassato nella ripresa dai colossi del Torino.

Brozovic 5,5sprazzi del vero Brozovic nella prima parte, irritante e fuori dal gioco nella seconda.

Asamoah 6: motorino importante, ma cala troppo presto (dal 21′ del s.t. Dalbert 5,5: non disastroso come a Sassuolo, ma non convince).

Politano 6,5: uno dei più positivi, guizzante e veloce, dal suo piede arriva l’assist per il 2-0, l’ultimo a cedere (dal 46′ del s.t. Lautaro Martinez s.v.).

Icardi 6: stavolta si fa apprezzare per il movimento che fa lontano della porta, prezioso assist per Perisic, bei duetti con i compagni, manca ancora davanti.

Perisic 6,5: nonostante la condizione non al top segna un gol straordinario e macina chilometri fino al novantesimo.

Spalletti 5: non è possibile fare un primo tempo quasi perfetto, finirlo 2-0 e tornare in campo così, rischiando di perdere. A lui ora la responsabilità di prendere in mano la situazione e capire cosa fare.

Glauco Dusso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.