Home News Disastro Toro, una stagione da buttare

Disastro Toro, una stagione da buttare

1
FERRARA, ITALY - OCTOBER 28: Moreno Longo head coach of Frosinone Calcio looks on before the Serie A match between SPAL and Frosinone Calcio at Stadio Paolo Mazza on October 28, 2018 in Ferrara, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

I granata sono protagonisti di una annata estremamente negativa, culminata con il cambio di allenatore

Non è bastato, per il momento, allontanare Mazzarri dalla panchina dei granata la crisi dei piemontesi ha radici più profonde.

Radici che probabilmente partono da quest’estate, dal turno preliminare di Europa League, che ha costretto Mazzarri ed i suoi ragazzi a cominciare la preparazione troppo presto.

Troppo presto ed in modo disorganizzato, se si pensa alla lunghezza della rosa.

E’ esattamente da un mese che i granata non vincono (12 gennaio, Torino 1-0 Sassuolo, con il gol di Berenguer) e nel mezzo ci sono state due tremende imbarcate.

Il 7-0 di Bergamo è certamente un risultato ridondante, ma il 4-0 di Lecce è addirittura fragoroso, per certi versi è più grave della goleada subita contro l’Atalanta.

I bergamaschi sono certamente una delle squadre migliori della serie A, forse la migliore per qualità di gioco ed efficacia, ma il Lecce è una squadra, sulla carta, nettamente inferiore al Torino eppure ha banchettato.

Queste due sconfitte, (insieme all’eliminazione dalla Coppa Italia) sono state mortifere per Mazzarri, che ormai aveva chiaramente perso il polso della squadra, ma che cosa è successo dopo l’ottimo rientro dalla sosta?

La discesa è iniziata nella partita contro il Sassuolo, anzi a venti minuti dalla fine.

Fino a quel momento i granata erano in vantaggio grazie all’autorete di Locatelli e probabilmente assaporavano la terza vittoria consecutiva, che li proiettava direttamente in zona Europa League.

Dal minuto 68′, quando Boga ha riequilibrato l’incontro, il Toro si è sciolto.

Berardi ha portato definitivamente la partita dalla parte dei nero-verdi e di li in poi è stato un incubo, con le già citate scoppole contro Atalanta e Lecce.

Queste partite sono costate la panchina a Mazzarri, sostituito da Longo.

Longo, ex giocatore del Torino dal 1994 al 1997 (31 presenze per lui), ha iniziato ad allenare nel 2006, appena si è ritirato dall’attività agonistica.

In quattordici anni vanta una promozione in A con il Frosinone quindi quanto può essere efficace per rialzare la squadra?

Quanto tempo può impiegare a raddrizzare la baracca (crollante per più di metà) granata?

Probabilmente Longo sarà una soluzione tampone in una stagione da buttare, il prossimo anno i granata dovranno riprogrammare tutto, il ciclo di Mazzarri si è chiuso, anche con delle cose molto positive, ma non può essere Longo l’allenatore giusto per la ripartenza.


Fonte foto: gol.com

Firma: Alessandro Nardi

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.