Home News Diario Qatar 2022 – Incubo Argentina, sbadigli pomeridiani, Francia sul velluto

Diario Qatar 2022 – Incubo Argentina, sbadigli pomeridiani, Francia sul velluto

0
Fonte latimes.com

Ieri nella terza giornata del mondiale, la prima con quattro partite, si sono disputati i match dei gruppi C e D. Non mancano le sorprese ma arrivano anche conferme, nel mezzo due 0-0 che deludono le platee

Si entra nel vivo a Qatar 2022. La giornata di martedì ha visto iniziare il periodo con partite per ogni fascia oraria (11.00, 14.00, 17.00, 20.00). La curiosità di queste prime gare al mondiale è il trend dei recuperi extralarge (ad esempio in Argentina-Arabia Saudita il primo tempo si è concluso al minuto 52, la ripresa al 104!). Salvo qualche caso più nella norma anche per il terzo giorno si è proseguito sulla linea già tracciata dall’inizio con tempi di recupero al 90° tra i 7 e i 9 minuti.

Per i tifosi argentini gli incubi sono arrivati al risveglio. Ieri nella prima partita l’Argentina cade sorprendentemente contro l’Arabia Saudita. La squadra data favorita dalla maggior parte degli addetti ai lavori s’infrange contro un avversario che, nonostante lo squilibrio di mezzi tecnici, mette in campo una cattiveria e una voglia che hanno soverchiato i dirimpettai più quotati. L’Argentina finisce dopo il rigore siglato da Messi al decimo minuto. Poi comincia un’altra partita che si concretizza a inizio ripresa con l’uno-due mortifero degli arabi che tra il 48′ e il 53′ ribaltano la situazione con Al-Shehri e Al-Dawsari. Nessuna reazione di rilievo dei ragazzi di Scaloni che adesso dovranno conquistare gli ottavi di finale contro Messico e Polonia dopo questa partenza disastrosa.

Oggi dichiarata festa nazionale in Arabia Saudita da re Salman. Questo a testimonianza dell’incredibile risultato ottenuto dal c.t. Renard, non nuovo a imprese del genere.

Dal pomeriggio di ieri poco spettacolo. Sono due i risultati a reti inviolate che non hanno esaltato gli appassionati. Il primo va in scena tra Danimarca e Tunisia, anche qui l’esito poteva sembrare scontato ma la convinzione messa in campo dalla nazionale africana ha sorpreso i danesi che alla fine di occasioni per prendersi i tre punti ne hanno avute ben poche. Stesso canovaccio nel match delle 17 tra Messico e Polonia. La squadra del “Tata” Martino si fa preferire ma è la Polonia che potrebbe andare avanti con un calcio di rigore nella ripresa. Ochoa ipnotizza Lewandowski e quindi la gara scivola via in un nulla di fatto.

La serata sembrava schiudere le porte ad un’altra sorpresa. L’Australia va subito in vantaggio contro la Francia grazie a Goodwin. Il cazzotto inferto dai canguri non fa altro che svegliare il can che dorme. Deschamps scatena i suoi attaccanti anche se è Rabiot a pareggiare i conti. Poi una doppietta di Giroud e un guizzo del solito Mbappè scrivono la parola fine alle ambizioni australiane con il 4-1 finale. Il bomber del Milan, tra l’altro, eguaglia in vetta Thierry Henry per i gol realizzati con la maglia dei galletti, ben 51. Da segnalare l’infortunio al ginocchio di Lucas Hernandez in occasione del gol avversario. Al suo posto il fratello Theo.

Fonte milanlive.it – Giroud esulta dopo i gol all’Australia che gli valgono le 51 reti in bleu

Oggi altro menù ricco, i gruppi E e F. Alle 11 scende in campo la seconda classificata al mondiale di Russia 2018. La Croazia, infatti, sfiderà il Marocco in una gara da non sottovalutare. Alle ore 14, invece, tocca alla Germania che affronterà il Giappone, altro avversario da prendere con le molle. Spagna e Costa Rica battaglieranno alle 17 mentre in serata l’atteso esordio del Belgio che testerà le reali ambizioni del Canada. Non ci si ferma mai in Qatar, le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

Glauco Dusso

Articolo precedenteLazio, adesso è ufficiale: Lazzari rinnova
Prossimo articoloPremier League: il Manchester United rescinde il contratto con Cristiano Ronaldo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.