Home News Derby dell’Emilia, il Bologna cala il poker

Derby dell’Emilia, il Bologna cala il poker

0

Nulla da fare per il Parma costretto a subire nonostante una serie di spunti interessanti la voracità dei padroni di casa del Dall’Ara

Formazioni ufficiali:

Bologna:

Skorupski, A. Hickey (Denswill), T. Tomiyasu, Danilo, L. De Silvestri, A. Olsen, A. Poli (Medel), R. Soriano, R. Palacio, J. Schouten, M. Barrow (Sansone)

Parma:

L. Sepe, S. Iacoponi, V. Laurini, B. Alves, M. Darmian, G. Brugman (Grassi), J. Dezi (Siligardi), Hernani, J. Kucka (Dermaku), Karamoh (Adorante), Gervinho (Sprocati)

La seconda giornata del campionato più bello del mondo si apre con la primo derby dell’anno che si tinge di rossoblù. Mister Mihajlovic sorride con i suoi undici che blindano il risultato già nella prima frazione di gara, un po’ meno il suo omologo Fabio Liverani costretto ad una serie di riflessioni improrogabili dopo la seconda sconfitta consecutiva.

Certo il torneo è ancora lungo, ma l’allenatore romano deve assolutamente uscire da questa spirale negativa e riflettere su un quattro ad uno pesante visti gli spunti creati.

L’incontro porta senza dubbio la firma di Roberto Soriano, uomo partita e autore non solo della doppietta ma anche di assist importantissimi nell’archiviazione dei primi tre punti stagionali. Lo stop rimediato contro il Milan di lunedì scorso sembra decisamente acqua passata.

Passando alla cronaca è il Parma nonostante le aspettative a pressare gli avversari dai primi minuti di gioco, pur senza diventare mai veramente troppo pericoloso.

I felsinei per parte loro non si lasciano certo intimorire e anzi dopo qualche minuto di esitazione si spostano nella metà campo avversaria con Palacio che imperversa senza troppi problemi per tutti i primi quarantacinque minuti di gioco.

Hernani, autore del gol della bandiera ducale

A sbloccare le marcature è nel giro di un quarto d’ora Soriano che prima insacca di testa un corner di Barrow lungo il secondo palo, poi raddoppia sfruttando un rimpallo letale dalla distanza con un destro deciso e diretto spedito sotto al sette.

Unica reazione degna di nota dei ducali è l’arrembaggio di Karamoh in area, chiuso però da Skorupski dopo alcuni attimi concitati ed un supposto braccio da terra di Tomiyasu.

Intensissima anche la ripresa, dove l’agonismo delle due formazioni si concretizza con una rete a testa. Il Bologna conquista la terza marcatura grazie a Skov Olsen che trasforma magistralmente di prima un allungo centrale del solito Soriano, mentre il Parma accorcia le distanze grazie al cinismo e la prontezza di Hernani micidiale nello sfruttare un fraintendimento tra l’estremo difensore e la sua difesa.

I ducali cercano attraverso le sostituzioni di approntare quindi una nuova linea di attacco ma si ritrovano costretti comunque a subire le continue iniziative bolognesi: degni di nota il tentativo di fuga di Palacio, che vale l’espulsione di Iacoponi per un fallo da ultimo uomo giudicato forse troppo severamente, la successiva punizione al limite di Barrow, ed una palla gol bruciata da Sansone su ennesimo assist Soriano. Chiude infine allo scadere Palacio che in anticipo deposita nell’area piccola il traversone di Menel alle spalle di un incolpevole Sepe firmando il quattro ad uno definitivo.

Fonti Foto: Passione del Calcio, Tutto Mercato Web

Guglielmo M. Crostelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.