Home News Chievo a un passo dal Galgo, un grande ritorno per sognare la...

Chievo a un passo dal Galgo, un grande ritorno per sognare la salvezza

0
Schelotto

Schelotto atteso a Verona per le visite mediche, dopo più di tre anni torna dove aveva lasciato

Era uno degli esterni offensivi più promettenti del panorama europeo. Argentino di nascita, ma italiano d’adozione, Ezequiel “El Galgo” Schelotto veniva considerato, non più di sei-sette anni fa, un potenziale crack del futuro, al pari di Ciro Immobile e di qualche altro giovane prodigio.

Dopo l’esplosione all’Atalanta, Schelotto non era riuscito a confermarsi con le maglie di Inter, Sassuolo e Parma; approdò quindi al Chievo, nel 2014, per trovare un nuovo trampolino di lancio. Una buona stagione a Verona e poi le avventure in Portogallo, con la maglia dello Sporting Lisbona, e in Inghilterra, con la casacca del Brighton & Hove.

Relegato ai margini del progetto calcistico degli inglesi, El Galgo torna in Italia per indossare l’amata divisa da gioco gialla. Arriva alla corte di Mimmo Di Carlo per un’impresa impossibile: aiutare il Chievo a salvarsi.

I Mussi Volanti sono reduci dalla pesantissima sconfitta di Torino contro la Juve e domenica 27 gennaio, nel lunch time, dovranno affrontare l’esuberante Fiorentina di Muriel. I Viola vengono al Bentegodi con l’obiettivo dichiarato di  vincere, ma il Chievo ha bisogno disperatamente di ossigeno, per cercare di scavalcare il Frosinone e abbandonare così l’ultima piazza del massimo campionato italiano.

Di Carlo ha dovuto privarsi, in questa finestra di mercato, della classe e della personalità di Valter Birsa, giunto a Cagliari su precisa richiesta di mister Maran. Anche l’altro uomo di grande qualità in mezzo al campo, Emanuele Giaccherini, è richiestissimo dalle cenerentole della Serie A, SPAL su tutte.

L’ingaggio di Schelotto rappresenta allora un segnale chiaro di discontinuità rispetto all’idea che la squadra fosse sottoposta a uno smembramento anzitempo, quasi a voler alzare bandiera bianca.

I Mussi Volanti invece non hanno alcuna intenzione di arrendersi e, guidati dalla caparbietà di capitan Pellissier, reclamano i 3 punti contro la Fiorentina, aspettando lo “scontro diretto” del 2 febbraio prossimo contro l’Empoli.

Dal Castellani passerà buona parte della stagione clivense. In una settimana potrebbe decidersi tutto.

Antonio Soriero

(Fonte dell’immagine: Mario Carlini/Iguana Press/Getty Images su lebombedivlad.it)

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.