Home News Champions, Vecchia Signora umiliata per 2-1 dai giovanotti elvetici. Analisi e pagelle

Champions, Vecchia Signora umiliata per 2-1 dai giovanotti elvetici. Analisi e pagelle

0
CONDIVIDI

I bianconeri passano comunque come primi grazie alla contestuale sconfitta dello United. Prestazione sottotono degli uomini di Allegri che si fanno surclassare fisicamente da Hoarau e compagni

La Juve a Berna per blindare il primo posto nel Gruppo H.

Allegri si presenta con un 4-4-2 che vede Costa e Bernardeschi esterni alti e CR7 in compagnia di Mandzukic davanti. Lo Young Boys replica con uno spregiudicato 4-3-3, lo spauracchio in attacco è il francese Hoarau, bomber di buona esperienza anche internazionale.

Si parte con la Juve pronta ad aggredire gli avversari sul terreno sintetico dello Stade de Suisse, una sorta di enorme campo da calcetto nobilitato dalla più blasonata tra le competizioni per club.

Subito bello, sulla corsia di sinistra, il duello tra Ronaldo e l’interessante Mbabu. Gli svizzeri giocano con molta più personalità rispetto alla spenta gara di Torino e le marcature sui bianconeri sono più che aggressive.

Al 12’ la prima occasione vera del match, Douglas Costa si accende sulla fascia, serve benissimo CR7 che cincischia facendosi ostacolare dal portiere avversario, prova poi una conclusione che viene stoppata dalla difesa elvetica.

Due minuti dopo è ancora l’asso portoghese ad avere la palla giusta per il vantaggio, ma sciupa con un diagonale impreciso. Al 17’ il primo squillo dei padroni di casa: palla sporca domata da Hoarau in area, il francese tira senza guardare e la palla finisce alla destra di Szczesny.

Al 23’ Cuadrado saluta il match per un problema muscolare, al suo posto Alex Sandro.

Lo Young Boys pressa altissimo per cercare di minare i ragionamenti di Pjanic e Bentancur sulla mediana, al 24’ un buon contropiede rilanciato da Mbabu viene rovinato completamente da un destro strozzato di Ngamaleu. Replica dall’altra parte Douglas Costa che di piatto sparacchia ben lontano dalla porta presidiata da Wolfli.

Sull’azione successiva Alex Sandro non controlla bene in area bianconera e frana su Ngamaleu, per l’arbitro è rigore. Si incarica della battuta Hoarau che supera Szczesny nonostante la deviazione del portiere: è 1-0 per lo Young Boys.

La Juve non riesce a ripartire, prova ne è una velleitaria conclusione di Bonucci al 35’ che nemmeno impensierisce Wolfli. Al 41’, sugli sviluppi di una punizione calciata male da Bernardeschi, Ronaldo trova un collo pieno radente che per poco non regala il pareggio alla Juve. Qualche altro minuto di concitazione e l’arbitro fischia l’intervallo. Lo Young Boys conduce 1-0.

La ripresa si apre subito con un brivido: minuto 47’, punizione per la Juve, Pjanic calcia in mezzo, Alex Sandro colpisce di testa e la palla sbatte contro la tibia di Hoarau per poi andare a infrangersi contro la traversa.

Al 51’ Douglas Costa semina un paio di difensori svizzeri e offre un’altra “cioccolatino” a Ronaldo, il portoghese anche stavolta sbaglia.

Lo Young Boys serra i reparti per difendere il risultato, sperimentando talvolta alcune sortite offensive affidate alla velocità di Sow e Ngamaleu. Al 62’ Fassnacht viene pescato bene in area e, con un colpo di testa, spaventa Szczesny che comunque blocca con sicurezza. Due minuti e Allegri decide di scuotere i suoi: fuori un pessimo Pjanic e dentro Emre Can.

Nonostante il tentativo del livornese arriva, al 68’, il raddoppio degli svizzeri: ripartenza bruciante di Ngamaleu che trova Horau in campo aperto. Il centravanti si libera di Bonucci con un dribbling secco e trova un destro chirurgico che vale il 2-0.

Allegri si aggrappa quindi all’eroe della gara di Torino e butta nella mischia Dybala al posto di De Sciglio.

Al 76’ Douglas Costa trova una sventola di fuori area che sibila al lato di Wolfli. Tre minuti dopo è sempre il brasiliano a mettere una palla intelligente in mezzo per CR7, sponda al bacio per Dybala che da fuori area trova la bomba del 2-1.

I bianconeri ci credono e spingono moltissimo, all’ 87’ un cross di Bernardeschi pesca Ronaldo che stacca con forza, ma coglie il palo. Al 92’ Dybala trova il pareggio con un sinistro fenomenale, ma l’arbitro non convalida per fuorigioco di CR7. Termina così, lo Young Boys batte la Juve 2-1.

I bianconeri si assicurano comunque il primo posto in classifica, grazie alla vittoria del Valencia sul Manchester. Tuttavia contro lo Young Boys non si è vista una squadra che possa davvero ambire a vincere la coppa. Allegri dovrà lavorare ancora tanto.

Benissimo gli svizzeri che in casa battono la Juve con una prestazione gagliarda e tecnicamente validissima. Seoane può essere davvero soddisfatto.

Le dichiarazioni di Allegri

Il tecnico livornese si dimostra rammaricato, ma prova a sdrammatizzare:”Abbiamo raggiunto l’obiettivo del primo posto in una serata in cui tutto è andato storto, abbiamo sbagliato alcune situazioni e quindi meritato di perdere. Quest’anno siamo bravi a perdere le partite che contano meno.”

Le pagelle della Juve

Szczesny 5,5: Quasi respinge il tiro dal dischetto di Hoarau, sul raddoppio del francese potrebbe forse fare qualcosa di più.

Cuadrado s.v. (Dal 23’ Alex Sandro 5: pasticcia in area appena entrato e consegna allo Young Boys l’opportunità che sblocca la gara. Poi tanta corsa, ma senza efficacia).

Rugani 5: Molto impreciso tecnicamente, fa rimpiangere Chiellini.

Bonucci 5: Prova anche un paio di avanzate coraggiose, ma i piedi sono meno educati del solito. Si fa dribblare secco da Hoarau, non esattamente Ronaldinho.

De Sciglio 5: Tritato da Mbabu, match da dimenticare (Dal 72’ Dybala 7: Entra e riprende da dove aveva lasciato. Fulmina lo Young Boys con un sinistro dei suoi, poi trova pure il pareggio con un altro tiro magico, ma l’arbitro annulla).

Pjanic 5: Pochissime idee, zero alla voce “grinta”. Si fa divorare dal centrocampo avversario (Dal 64’ Emre Can 5,5: Ancora molto imballato).

Bentancur 5: Smarrito tra le maglie gialle, si fa notare per qualche entrataccia.

Bernardeschi 5,5: Il Berna delude a Berna. Dribbling mai riusciti e tantissima aria fritta.

Douglas Costa 6,5: La sua velocità crea notevoli imbarazzi alla retroguardia elvetica, peccato non sia bravo a concretizzare alcune chiare occasioni.

Mandzukic 5: Dà sempre una mano alla baracca, ma davanti è completamente assente.

Ronaldo 5,5: Prova un po’ di numeri da circo, sciupa tante palle-goal. Buona solo la sponda per la rete di Dybala. Male.

Allegri 5,5: La Juve passa come prima, ma questa prestazione rappresenta un precedente allarmante.

Antonio Soriero

(Fonte dell’immagine: ANSA/EPA su ansa.it)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.