Home News Champions League preview: due positivi in casa Atletico, ma la squadra parte...

Champions League preview: due positivi in casa Atletico, ma la squadra parte per Lisbona

0

Sime Vrsaljko e Angel Correa hanno il Covid-19, ma i tamponi hanno escluso altri contagi e i Cholchoneros saranno regolarmente in campo per il match contro il Lipsia

A due giorni dall’inizio della Final eight di Champions League in programma a Lisbona, c’è da registrare la notizia dei due casi positivi tra le fila dell’Atletico Madrid, ma gli ultimi tamponi effettuati nella giornata di ieri (domenica 9 agosto ndr), hanno scongiurato l’ipotesi di nuovi contagi e dunque la squadra del Cholo Simeone è potuta tranquillamente partire per Lisbona, dove il prossimo 13 agosto, giocherà il match dei quarti di finale contro il Lipsia. Al posto di Vrsaljko e Correa, sono stati aggiunti due calciatori della cantera: Riquelme e Moya. La partita in sé vedrà due diverse filosofie di gioco: l’Atletico che si difenderà in maniera compatta e organizzata, mentre il Lipsia che proverà a sviluppare il suo gioco offensivo. Agli ottavi, entrambe le squadre hanno eliminato due formazioni inglesi: l’Atletico ha avuto la meglio sul Liverpool, mentre i tedeschi si sono sbarazzati del Tottenham di Mourinho. Dunque sarà molto difficile fare un pronostico, soprattutto considerando che la partita si giocherà in gara singola e potrebbe finire ai tempi supplementari, o addirittura ai calci di rigore.

La sfida più attesa per gli appassionati di calcio italiano sarà sicuramente quella tra Atalanta e Paris Saint-Germain, in programma il 12 agosto e che aprirà la serie dei quarti di finale, che si svolgeranno fino a sabato 15 agosto. Una debuttante assoluta, contro una corazzata, che nelle ultime settimane ha perso più di qualche pezzo, come Mbappè e Verratti. Defezioni che ci saranno anche in casa Dea, con il forfait sicuro del portiere Gollini, che starà fuori due mesi per un infortunio al ginocchio. L’ Atalanta gioca più da squadra sfruttando il campo in ampiezza e accompagnando la manovra offensiva con gli esterni; a questo aspetto vanno aggiunti gli inserimenti senza palla da parte dei centrocampisti e che potrebbero essere una vera spina nel fianco per la difesa dei francesi, che spesso concede qualcosa agli avversari. Nonostante gli investimenti cospicui degli ultimi anni, il Psg non è mai riuscito ad esprimere un gioco corale e questo è stato sempre il suo tallone d’Achille, che non gli ha permesso di fare molta strada in Europa, non superando mai i quarti di finale. Saranno della partita Neymar e Icardi, due attaccanti che fanno reparto da soli e che spesso hanno sopperito alla mancanza di gioco della loro squadra, come nel match di ritorno degli ottavi contro il Borussia Dortmund. Dunque per la squadra di Gasperini ci sarà da fare molta attenzione.

La partita più spettacolare però si preannuncia quella tra Barcellona e Bayern Monaco: i tedeschi sono diventati una vera e propria macchina da guerra, capace di travolgere qualsiasi avversario. È un fatto che dalla ripresa della stagione post Lockdown abbiano sempre vinto centrando il Double in patria, portandosi a casa campionato e coppa nazionale. E ora tutto sembra far pensare all’obiettivo triplete. Dall’altra parte ci sarà un Barcellona abbastanza fragile: la squadra di Setien anche nel match contro il Napoli, ha dimostrato di avere molte lacune e di affidarsi costantemente a Messi per risolvere i problemi in zona offensiva. Questo denota una mancanza di gioco che aveva fatto diventare in passato i blaugrana, una squadra quasi perfetta. Gioco che invece è il fiore all’occhiello del Bayern che può vantare anche il capocannoniere di questa edizione: Robert Lewandoski, che ha segnato fin qui tredici gol.

Roberto Lewandowski, capocannoniere di questa edizione della Champions League

L’ultimo dei quarti di finale ad andare in scena, sarà forse il più scontato, quello tra Manchester City e Lione. Forse mai come quest’anno gli inglesi hanno l’obiettivo di vincere il torneo e di certo l’avversario che si troveranno di fronte li invita almeno a credere di poter andare in semifinale. Ma guai a sottovalutare il Lione, ben messo in campo da Garcia e che proprio grazie alla sua disposizione tattica potrebbe trascinare la sfida oltre il 90esimo e lasciare aperto lo spazio per una sorpresa.

Leonardo Tardioli

Fonti foto: corriere.it, sport.sky.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.