Home News Champions League, Lazio Borussia Dortmund 3-1: l’aquila doma i tedeschi. Analisi e...

Champions League, Lazio Borussia Dortmund 3-1: l’aquila doma i tedeschi. Analisi e pagelle

1

Esordio eccellente dei biancocelesti, che rifilano un gran tris alla squadra di Favre

Termina 3 a 1 all’Olimpico, Lazio Borussia Dortmund, con le reti di Immobile, l’autogol di Hitz e Akpa-Akpro per i padroni di casa; inutile il gol in mezzo di Haaland. Lazio in testa al gruppo F insieme al Brugge, vittorioso alle 19 contro lo Zenit.

Lazio: Strakosha; Patric, Luiz Felipe, Acerbi; Marusic, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto, Fares; Correa, Immobile

Borussia Dortmund: Hitz; Piszczek, Hummels, Delaney; Meunier, Bellingham, Witsel, Guerreiro; Reus, Sancho; Haaland

Tedeschi domati da una bella Lazio

Grande primo tempo all’Olimpico da parte della Lazio, che stana i propri avversari, giocando un ottimo calcio. Pronti-via e subito i biancocelesti si portano in vantaggio con l’ex di turno Immobile, che sfrutta un buon servizio di Correa per battere col sinistro lo svizzero Hitz.

I tedeschi provano a reagire, alzando il pressing e tenendo di più il pallone e al minuto 11′ si avvicinano alla rete del pari con il polacco Piszczek, che di testa riscalda i guantoni di Strakosha. Dietro il Borussia fa tanta fatica e da una verticalizzazione di Patric per Immobile, rischia di prendere il secondo gol nel giro di pochi minuti.

Il primo tempo dell’Olimpico è, comunque, molto divertente con continue azioni da una parte e dall’altra. La prima vera grande palla-gol degli ospiti arriva al 21’esimo con Guerreiro, che entra in area di rigore ma il suo tap-in viene parato con i piedi da Strakosha.

Un minuto più tardi, la Lazio punisce nuovamente: corner dalla sinistra di Luis Alberto e incornata di Luis Felipe per il 2 a 0. Uefa poi che assegnerà l’autorete del portiere Hitz. I tedeschi ci provano con le solite giocate del talentuoso Sancho e le folate di un Guerreiro in grande forma e da una di queste scorribande a sinistra, per poco Meunier non mette dentro un semplice rigore in movimento.

Nel finale, pericoloso Luis Alberto direttamente da calcio d’angolo, ma attento in questa situazione il portiere del Borussia.

Haaland ci prova, ma Akpa-Akpro la chiude

Borussia Dortmund che esce meglio dagli spogliatoi, impensierendo subito la Lazio al terzo minuto, con la prima azione in solitaria del gigante Haaland, ma il suo tiro viene respinto bene da Strakosha. Lo scorrere delle lancette non accende però più di tanto i tedeschi, che faticano a costruire occasioni da rete.

Bisogna, infatti, aspettare il minuto 66′ per vedere una nuova palla-gol del Borussia, pericoloso con Guerreiro, che rifinisce male una bella ripartenza. Cinque minuti più tardi, però, ecco la rete giallo-nera: Patric batte con troppa sufficienza un calcio da fermo, palla regalata a Reyna, che mette in mezzo un ottimo pallone, su cui si fionda il solito Haaland.

La Lazio però non demorde e con i suoi gioielli lì in avanti ricostruisce immediatamente la doppia distanza: Luis Alberto lancia in profondità Immobile, che mette in mezzo un dolce assist per il tap-in del neo-entrato Akpa-Akpro. Nel finale, ci prova il Borussia, ma poca precisione per far male a Strakosha. Il match termina dopo quattro minuti di recupero sul punteggio di 3 a 1.

Grande Lazio che batte il giovane ma talentuoso Borussia, grazie ad una prestazione da urlo. Brillano sia Immobile che Luis Alberto e Milinkovic. Conclude poi la meravigliosa favola di Akpa-Akpro.

Niente da fare per il Borussia, che ha grande talento in avanti, ma pecca tanto invece in fase difensiva. Difesa ballerina e poco attena nel gioco in verticale targato Simone Inzaghi.

Pagelle

Strakosha: 6,5 Ottima prestazione dell’albanese, un po’criticato nelle ultime uscite. Blocca alla grande i tiri di Guerreiro e Haaland, anche se sul gol non può fare nulla.

Patric: 5,5 Un punto in meno per la sufficienza con il quale ha deciso di battere la punizione, che poi ha portato Haaland ad accorciare le distanze.

Luis Felipe: 7 Ottima gara del brasiliano che rientrava dopo 47 giorni di stop. Tiene molto bene Haaland e firma insieme alla complicità di Hitz il gol del 2 a 0. Dal minuto 51′ Hoedt: 5,5 Entra a inizio ripresa dopo i crampi di Luis Felipe, impone la sua fisicità ma si perde Haaland nel gol tedesco.

Acerbi: 7 Solita gara da super difensore, sempre attento e ordinato contro avversari di un certo livello, come Sancho e Haaland.

Marusic: 6,5 Sostituisce bene a destra la freccia Lazzari, giocando un’ottima gara. Se nel primo tempo è più libero offensivamente, nella ripresa a tratti gioca da quinto.

Milinkovic Savic: 6,5 Meglio nel primo tempo il serbo che approfitta della sua grande mole per rendersi pericoloso in avanti. Cala per stanchezza nella ripresa. Dal minuto 67′ Akpa-Akpro: 7 La favola del ragazzo proveniente dalla Salernitana. Quasi senza squadra in estate e adesso gol decisivo in Champions contro il Borussia Dortmund.

Lucas Leiva: 6,5 Sempre al posto giusto nel momento giusto. La sua esperienza in questa competizione sarà fondamentale per Inzaghi.

Luis Alberto: 7 Gara di classe e sostanza dello spagnolo, che regala colpi di alta scuola nel primo tempo, per poi partecipare al terzo gol con una gran palla in profondità per Immobile. Dal minuto 80′ Parolo: S.V

Fares: 6 Grande gamba ma a tratti pecca di qualità quando è il momento di crossare.

Correa: 6,5 Un assist al bacio e prestazione di qualità del Tucu, che non si limita solo alla fase offensiva ma aiuta anche i suoi compagni, quando è il tempo di difendere. Dal minuto 67′ Muriqi: 6 Aiuta i suoi compagni a difendere il grande risultato, non riuscendo però a farsi pericoloso in avanti.

Immobile: 7,5 Gara da campione assoluto dell’attaccante della Nazionale. Prima sblocca il match al quinto minuto e poi si trasforma in assist-man per la rete del 3 a 1 del giovane Akpa-Akpro. Dal minuto 80′ Caicedo: S.V

All. Inzaghi: 7 Prepara magistralmente il suo esordio da allenatore nella Coppa delle grandi orecchie. Urla e coordina dalla panchina come un regista dietro la macchina da presa.

Post-match Inzaghi

Abbiamo giocato con grande umiltà e sacrificio contro una squadra fortissima. Abbiamo reagito alla grande dalla sconfitta di Genova contro la Sampdoria. Ci godiamo questo momento ma da domani di nuovo a lavoro”

Fonte foto: Repubblica

Sandro Caramazza

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.