Home News Calciomercato estero: le pagelle delle sei di Premier League

Calciomercato estero: le pagelle delle sei di Premier League

Premier League
Fonte foto: Calcio in pillone
   Tempo di lettura 5 minuti

Sessione milionaria in Inghilterra con Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham sempre importanti protagoniste

La Premier League solita regina del calciomercato internazionale. Solamente considerando il mercato delle sei sorelle Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham, si sono spesi oltre 1050 miliardi di euro. Cifre astronomiche rispetto al calcio italiano. Andiamo con ordine.

ARSENAL: 7

Mercato equilibrato della squadra di Arteta al momento totalmente ripagato in campionato: prima a punteggio pieno dopo cinque giornate. Il nome di punta è sicuramente Gabriel Jesus, arrivato dal Manchester City per 52 milioni di euro. Il brasiliano ha sostituito il partente Lacazette. Se non è un upgrade questo… Sempre dal City è arrivata anche la duttilità e l’esperienza dell’ucraino Zinchenko (d), pedina tattica di assoluta importanza. Sulla trequarti da registrare anche l’arrivo di Fabio Vieira dal Porto per 35 milioni. In ottica cessioni, oltre ai prestiti di Lacazette e Pepe rispettivamente a Lione e Nizza, l’Arsenal ha anche ceduto Bellerin al Barcellona e Guendouzi al Marsiglia.

CHELSEA: 5,5

Non sempre tanta spesa significa successo assicurato. Il mercato del Chelsea è stato senza dubbio ricco di colpi soprattutto in entrata. Alcuni dal discutibile valore economico. In primis Cucurella (d), pagato al Brighton ben 65 milioni di euro. Non è stato da meno l’arrivo di Fofana (d) per 80 dal Leicester. Tra gli acquisti di risonanza, infine, Sterling (ad oggi quello più azzeccato), Koulibaly, Aubameyang e Zakaria. Il voto è anche influenzato dalla clamorosa operazione in uscita di Lukaku. Il belga preso a 113 milioni appena un anno fa e rispedito nuovamente all’Inter in prestito a 8 milioni. Il giudizio sul Chelsea è da rimandare quantomeno al 2023.

LIVERPOOL: 7

C’era poco da migliorare nella squadra vice campione d’Europa. Il giocattolo perfetto di Klopp aveva bisogno solamente di quel terminale offensivo utile per migliorare ulteriormente la macchina da gol Reds. Detto-fatto, Darwin Nunez. Operazione costosa sì (75 milioni di euro) ma che alla fine dei giochi risulterà decisiva. In aggiunta, il Liverpool ha acquistato Carvalho (c) Fulham e Arthur dalla Juventus. E’ vero è andato via Mané ma il sostituto era già stato preso nel gennaio 2022: Luis Diaz.

MANCHESTER CITY: 7

Se a Liverpool hanno scelto Nunez a Manchester è arrivato l’alieno Haland. L’inizio di stagione sembra essere più che promettente. Un carrarmato tra i giocolieri e gli esteti dal calcio: l’esperimento di Guardiola potrebbe rivelarsi clamorosamente intuitivo! Oltre all’attaccante norvegese, da registrare anche lo sbarco di Julian Alvarez (a), giocatore dalla qualità sopra la media. Cifre leggermente ‘folle’ per il mediano del Leeds Kalvin Phillips ma si sa in Inghilterra non si bada a spese. All’ultimo giorno di mercato, a completare la rosa è arrivato Akanji (d) dal Borussia Dortmund. City bravo anche a vendere viste le cessioni milionarie di Sterling, Gabriel Jesus e Zinchenko. In tre guadagnati 143 milioni.

MANCHESTER UNITED: 5,5

Come il Chelsea anche lo United è stato autore di un mercato strano e confusionario. Vari i giocatori strapagati, tipo i quasi 60 milioni per Lisandro Martinez (d) o i 70 per Casemiro. Il brasiliano, giocatore sicuramente di esperienza massima, è pur sempre un mediano trentenne. La ciliegina sulla torta è arrivata al gong con l’acquisto dell’ala Antony per 90 milioni di euro. Quando si parla di Red Devils non si può non citare la vicenda Ronaldo, rimasto alla fine a Manchester. Da capire se si tratterà di un vantaggio o di un peso per lo United. Mister ten Hag rimane probabilmente il miglior colpo di questa sessione.

TOTTENHAM: 6,5

Buon mercato per il Tottenham di Antonio Conte che ha tenuto i pezzi più pregiati, da Kane a Son, migliorando ulteriormente la rosa con giocatori funzionali al gioco del mister italiano. In primis Ivan Perisic a zero o il riscatto di Romero dall’Atalanta. L’acquisto più costoso quello del talentuoso ma discontinuo Richarlison (a). Vediamo se Conte lo trasformerà in un giocatore vero! In uscita, via gli esuberi di Bergwijn, Ndombele, Reguillon e Lo Celso.

Sandro Caramazza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.