Home News Cagliari, Frosinone e Genoa: un ritorno da non fallire

Cagliari, Frosinone e Genoa: un ritorno da non fallire

Fonte eurosport.it
   Tempo di lettura 5 minuti

Manca poco all’inizio dei ritiri delle tre neopromosse che non vogliono essere di passaggio, sardi e liguri più strutturati, i ciociari dovranno puntellare la squadra per tentare la permanenza in massima serie

Nessun esordio in serie A quest’anno. Le squadre salite dalla B sono già state tra i “grandi”, chi più, Cagliari e Genoa, chi meno, Frosinone. Le due compagini rossoblu erano scese negli inferi solamente l’anno scorso mentre i gialloblu mancavano dalla stagione 2018/19. Vediamo come stanno ad oggi le tre con i ritiri alle porte e di conseguenza l’inizio dell’annata 2023/24.

Un ritorno all’ultimo respiro quello del Cagliari. L’ultima squadra di serie A nel giro di pochi secondi è passata dalla Puglia alla Sardegna. Il colpevole è Leonardo Pavoletti che a Bari al 94′ ha spinto in rete la palla della promozione. Un capolavoro di Claudio Ranieri che il 10 luglio ad Asseminello guiderà il primo allenamento del nuovo Cagliari che giocherà in A. La compagine sarda ha già un ottima struttura e nomi che possono sostenere la massima serie. Sicuramente nelle prossime settimane, però, si tenterà di arricchire il parco giocatori a disposizione del tecnico romano. Nomi come Nandez, Rog, Lapadula e via discorrendo non sono nuovi a grandi palcoscenici. Intanto è arrivato il primo colpo ufficiale. Si tratta di Ibrahim Sulemana, centrocampista del Verona. Giocatore fisico che può già contare 16 presenze in serie A, va a rinforzare una mediana già buona. Vicinissimo, invece, l’ingaggio del giovane centrocampista offensivo Oristanio dall’Inter. Quest’ultimo è un profilo di sicuro avvenire, tanto è vero che proprio i nerazzurri non vogliono perdere il controllo del giocatore. Reduce da due stagioni da titolare in Olanda il ragazzo promette molto, come sottolineato anche da Roberto Mancini. L’estate è lunga, la dirigenza è a lavoro e le sapienti mani di Ranieri sapranno sicuramente cosa fare.

A Frosinone, invece, c’è una doppia scommessa. La prima è quella di ottenere una salvezza ancora mai raggiunta. Le uniche due presenze in serie A si sono concluse con un 19° posto e l’immediata retrocessione. L’altra è far tornare a sorridere Eusebio Di Francesco. Il tecnico, che sostituirà l’artefice della promozione Fabio Grosso, dovrà cercare di riprendere credibilità dopo le fallimentari esperienze di Cagliari, Sampdoria e Verona. Tra due giorni scatta il ritiro a Fiuggi e i ciociari sono carichi per l’inizio della stagione. Bisognerà, però, operare sul mercato. Fine dei prestiti e cessioni hanno svuotato la rosa e ora servirà investire. Unici acquisti il georgiano Kvernadze, ala sinistra di belle speranze, e Gennaro Borelli attaccante del Pescara. Tornerà Turati in porta dal Sassuolo e la sinergia coi neroverdi potrebbe non fermarsi qui visto l’interesse per il portiere gialloblu Boloca. Sempre nel Sassuolo Harroui e Marchizza potrebbero far gola a Di Francesco. Un’estate tutta da costruire a Frosinone.

Fabio Grosso sommerso dall’entusiasmo di Frosinone, non sarà lui sulla panchina ciociara in serie A – Fonte ilpescara.it

Chiudiamo con il Genoa che come il Cagliari si radunerà il 10 luglio in Val di Fassa. Come i sardi anche il Grifone ha una squadra già ben attrezzata. Sulla panchina rossoblu ecco Alberto Gilardino che si è meritato la conferma dopo la cavalcata promozione dell’ultima stagione quando subentrò al posto di Blessin. Ovviamente la rosa dei liguri andrà puntellata viste anche alcune partenze ma si è già iniziato a lavorare. Intanto sono stati riscattati il portiere Martinez, il difensore Dragusin e l’attaccante Puscas. Confermato anche Strootman. Inoltre la dirigenza ha piazzato il primo colpo: si tratta del terzino sinistro, o all’occorrenza tutta fascia, Aaron Martin che nell’ultima stagione ha militato in Bundesliga nel Mainz. Bisognerà aspettare altri acquisti per poter dare una valutazione ma le basi sono state gettate. La salvezza è obiettivo da non fallire, anche perchè con la retrocessione di Spezia e Sampdoria unica rappresentante della regione Liguria è proprio il Genoa.

Gilardino portato in trionfo dai suoi giocatori – Fonte eurosport.it

Le tre neopromosse promettono battaglia, la competitività del campionato dipende anche da loro.

Glauco Dusso

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.