Home News Argentina-Brasile: prima gli scontri, poi la battaglia in campo, l’Albiceleste espugna il...

Argentina-Brasile: prima gli scontri, poi la battaglia in campo, l’Albiceleste espugna il Maracanà

   Tempo di lettura 1 minuto

Un gol di Otamendi nella ripresa infligge ai verde oro la loro prima sconfitta casalinga della storia nelle qualificazioni ai Mondiali, prima del match scontri in tribuna tra polizia locale e tifosi argentini 

Brasile-Argentina non è mai una partita come le altre, dentro il campo e (purtroppo) anche fuori. Partiamo dalla fine: l’Argentina, dopo il ko contro l’Uruguay, torna a vincere e lo fa al Maracanà, contro il Brasile, che perde una gara casalinga di qualificazione al mondiale per la prima volta nella sua storia. L’uomo del match questa volta non è Messi, ma Nicolàs Otamendi, che sigla il gol decisivo a metà del secondo tempo. Un successo sofferto ed importante per l’Albiceleste, che arriva al termine di una partita iniziata con mezz’ora di ritardo a causa di scontri avvenuti in tribuna tra la polizia brasiliana ed i tifosi argentini presenti allo stadio al momento degli inni nazionali. Il portiere argentino Dibu Martinez ha addirittura tentato di afferrare il manganello di uno dei poliziotti, Messi ha fatto rientrare la squadra negli spogliatoi fino a che la situazione non si è nuovamente calmata. 

Luca Missori

(Fonte immagine: Gazzettadellosport.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.