Home News A Gamba Tesa | De Zerbi 2.0 vuole dimenticare il concetto di...

A Gamba Tesa | De Zerbi 2.0 vuole dimenticare il concetto di “sorpresa”

0

I neroverdi stanno per scendere in campo contro il Torino fanalino di coda della classifica. L’evoluzione degli emiliani nella passata stagione è stata evidente: ora serve il decisivo salto in avanti…

CONSIGLI ALLA EDERSON – Una delle soluzioni più “usate & abusate” a partire dagli ultimi due anni è stata quella della costruzione dal basso.
Al netto di scivoloni incredibili in fase di prima impostazione da parte dei portieri, oggi praticamente tutti fanno partire la manovra (quasi, ndr) dalla propria linea di porta: uno dei primi in Italia ad esasperare questo concetto è stato proprio De Zerbi, che addirittura consentiva “licenze” a Consigli in fase di cucitura di trama.



CLICCA QUI PER TUTTI GLI EPISODI DI “A GAMBA TESA”

ROSA DENSA DI NAZIONALI – No, non si tratta più di giovani di belle speranze e chiamare “favola” quella dei neroverdi è quantomai anacronistico.
Ben 12 giocatori del Sassuolo sono stati convocati dalle proprie nazionali per presenziare nella pausa precedente al ritorno in campo dello scorso weekend. Pochi di loro, tra l’altro, hanno fatto semplicemente da “comparse” all’interno delle rappresentative.
C’è certamente ancora tanta gioventù, se pensiamo agli italiani Raspadori e Tripaldelli per l’Under 21 e per Russo e Turati nell’Under 20.
I vari Djuricic, Chiriches, Haraslin, Kyriakopoulos (soprassedendo su Locatelli e Caputo col Mancio) sono perni quasi sempre titolari delle proprie nazionali.


L’ALLENATORE FA LA DIFFERENZA – L’ottavo posto della passata stagione, col sesto miglior attacco (69 gol fatti), può essere migliorato se si alzerà l’asticella della continuità tra le due fasi, vero tallone d’Achille di una squadra che ha incassato di contraltare 63 reti.
Dove produrre lo scatto in avanti? Certamente va preservata la gran vena offensiva mostrata anche in questo avvio (13 gol, secondo miglior attacco in 360′).
L’altro fronte della medaglia dice che nelle prime 4 partite, già 6 volte Consigli è andato a raccogliere la sfera nel sacco: troppo per far pensare che le noie passate in fase di ripiegamento siano state superate.

C’è però tempo e – come si addice alla placida cittadina emiliana – c’è grande calma e pazienza attorno al progetto che va avanti già da anni.
Una realtà oltre i “buonismi” e le “simpatie di convenienza”…


Fonti foto: CorrieredelloSport | Trasfermarkt | SassuoloCalcio.it

Alessandro Sticozzi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.