Home News 119 anni Lazio: un ideale che dal 1900 si tramanda nella Capitale

119 anni Lazio: un ideale che dal 1900 si tramanda nella Capitale

0

Ad aprire i festeggiamenti il consueto appuntamento di mezzanotte a Piazza della Libertà. Tra gioie e dolori il sodalizio biancoceleste è arrivato al 119esimo anno di vita

Il capodanno della Lazio è iniziato. La più antica polisportiva della Capitale compie 119 anni. Fin dagli albori è sempre stata vista e vissuta come un’anima fautrice della diversità, che si differenzia dalla massa per stile, orgoglio e tradizione.

Parlare della Lazio come una semplice squadra di calcio è decisamente riduttivo. È molto di più, è una realtà sportiva a 360°. Basti pensare che accorpa oltre 50 discipline differenti.

La Fondazione della Lazio

Ed era proprio quello lo scopo dei nove padri fondatori (Luigi Bigiarelli, Giacomo Bigiarelli, Odoacre Aloisi, Arturo Balestrieri, Alceste Grifoni, Giulio Lefevre, Galileo Massa, Alberto Mesones ed Enrico Venier), che il 9 gennaio del 1900 su una panchina di piazza di Libertà diedero vita a quel “sogno” senza fine, che ogni anno si tramanda di padre in figlio.

In quegli anni caratterizzati da poche certezze, si voleva dare la possibilità a tutti gli abitanti della regione di praticare sport (per questo la scelta del nome Lazio).

I colori bianco e celeste furono scelti in onore delle Olimpiadi disputate in Grecia nel 1896. Il simbolo non poteva che essere l’aquila, già emblema dell’Impero Romano.

Inizialmente fu denominata Società Podistica Lazio per poi diventare una Società Polisportiva a tutti gli effetti nel 1925.

I passaggi storici più salienti

Da allora ne ha fatta di strada l’aquila. La sezione calcio è quella che ha una risonanza maggiore, nel bene e nel male. Il rifiuto della fusione con l’A.S Roma nel 1927, gli scudetti del 1974 e del 2000, la salvezza con nove punti di penalizzazione nel 1987, la Coppa Italia del 2013 vinta contro la rivale storica concittadina sono tra i momenti più salienti di una storia costellata di alti e bassi, ma con una costante: la voglia di non arrendersi mai.

Naturalmente anche le altre discipline possono vantare dei successi importanti, come quelli nel rugby, nei tuffi, nel nuoto e ultimo in ordine di tempo lo scudetto vinto dalla sezione calcio a otto lo scorso 24 giugno 2018.

Per questo ogni anno si rinnova il classico raduno dei tifosi a Piazza della Libertà nel centro di Roma, che aspettano la mezzanotte per festeggiare nel nome della Lazio, il primo grande ideale della Capitale d’Italia.

Antonio Pilato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.