Home Curiosità “Paolino” Maldini: i 50 anni di un mito

“Paolino” Maldini: i 50 anni di un mito

0
CONDIVIDI

Oggi si festeggia il mezzo secolo di uno dei più forti difensori del mondo, figlio d’arte dell’ex giocatore e ct Cesare (primo personaggio da me intervistato per Passione del Calcio e primo italiano a sollevare la Coppa dei Campioni al cielo -era il 22 maggio 1963). Ho dedicato a Paolo, che seguirà le orme paterne, una poesia sulle sue gesta calcistiche, cercando di omaggiare in cinquanta versi la carriera di chi ha onorato la maglia azzurra e rossonera con professionalità, garbo ed eleganza

Lo stile inarrivabile di Paolo Maldini

Che strana la vita…

da bimbo la meta più ambita

era fare il portiere juventino

poi ti trovi a Milano, mica a Torino

serve una roccia in difesa

tutta la tifoseria rossonera è in attesa

di vedere un miracolo calcistico

il testimone che passa in un volo mistico

da Cesare a Paolo la fascia sul braccio

anche chi non crede viene preso nel laccio

di una fede incrollabile

di un’eleganza e uno stile inarrivabile

questione di geni?

La personalità è sua e non la freni

Tante somiglianze che fanno sospirare

c’è l’immagine pulita da preservare

di quel paio di colpi a Maradona

sei pentito e la gente te li abbona

Diego era immarcabile

ma tu con le scuse apprezzabile

come ebbe inizio la favola?

Il tempo fugge, anzi vola:

a 10 anni il provino a Linate

in mezzo al campo già sembravi un vate

tuo padre non era mica di parte

che scambi, che postura, che figlio d’arte!

A 16 anni e 7 mesi il debutto

in Udinese-Milan il primo costrutto

con Liedholm era il gioco più bello

e Sacchi, Ancelotti, Capello?

Le sofferenze con Arrigo

allenamenti duri sennò in castigo

Fabio e le continue progressioni

Carlo e le tante soddisfazioni

con Berlusconi un ciclo vincente

a te tutto, agli altri niente:

902 presenze e 26 trofei

una carriera senza nei

in Champions League 8 finali disputate

folle rapite e ammaliate

primato condiviso con Gento

di quel Real Madrid un portento

Tassotti-Baresi-Costacurta-Maldini…

il ritornello per grandi e piccini

era la retroguardia più tosta

si macinavano Coppe senza sosta

9 anni fa il ritiro

la numero 3 non si è più vista in giro

un mito al Milan e in Nazionale

un esempio, una bandiera…dal mondo stima totale!

Fonti foto: skysport, corrieredellasera, corrieredellosport, trendsmap

Erika Eramo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.