Home News La Roma si rifà bella: poker alla Sampdoria. Analisi e pagelle

La Roma si rifà bella: poker alla Sampdoria. Analisi e pagelle

0
CONDIVIDI

Prestazione convincente dei giallorossi, che battono 4-1 i blucerchiati. Scatenato El Shaarawy. Torna al gol Schick

Continua il processo di crescita della Roma, che dopo il successo di Mosca, e i pareggi di Napoli e Firenze, vuole proseguire nel suo trend positivo per provare a dare una svolta al campionato. Di fronte la Sampdoria, che già lo scorso anno, all’Olimpico, fece piangere i giallorossi.

Di Francesco lancia dal primo minuto Schick, concedendo un turno di riposo a Dzeko. In mediana viene riconfermato Cristante al fianco di Nzonzi, così come Kluivert esterno. La Roma impiega un po’ ad ingranare la marcia, con i primi 15 minuti abbastanza noiosi, anche per merito dei blucerchiati, che di certo non alzano i ritmi del match. La contesa, però, si sblocca improvvisamente al 20′, quando Cristante devia verso la porta un calcio d’angolo di Pellegrini, trovando sulla linea il tocco di Juan Jesus, che deve solo spingere in rete. Il vantaggio rende la gara in discesa per i capitolini, che controllano il match fino al 35′, quando Kluivert, con un’accelerazione entra in area di rigore calciando piano sul primo palo, trovando però solo il legno. Terminano lì le emozioni del primo tempo. Nella ripresa la Roma, al contrario del passato, alza l’intensità del gioco, salvo i primi 10 minuti iniziali, quando la Samp prima ci prova con Ramirez poi si vede annullare un calcio di rigore al Var. L’episodio affievolisce i blucerchiati, d’ora in poi è solo Roma. All’ora di gioco ecco il raddoppio di Schick, dopo una grande discesa di Kolarov, con il ceco che spinge a rete da pochi passi. 10 minuti più tardi il Var si ripete, annullando un rigore questa volta ai giallorossi. La squadra di DI Francesco, però, riesce comunque a trovare il terzo gol. Protagonista El Shaarawy, che da posizione leggermente defilata beffa Audero con un tiro a giro morbido. La Samp prova a rientrare in partita con Defrel, che sfrutta una disattenzione di Manolas, e dopo un bel controllo batte Olsen. I giallorossi, però, trovano subito il definitivo 4-1, con EL Shaarawy messo in porta da Dzeko, nel frattempo subentrato a Schick. Finisce così.

Finalmente una prova convincente per la Roma. Dal punto di vista del gioco si son visti importanti miglioramenti rispetto alle uscite precedenti. La squadra si è trovata bene, sfruttando soprattutto gli esterni, come il gioco di Di Francesco dovrebbe imporre. Scatenati su tutti El Shaarawy e Kluivert. Degna di nota per Schick. Il ceco non ha brillato dal punto di vista della prestazione, ma il gol per lui era fondamentale. Il dato positivo, infatti, è che questa squadra sa andare in gol anche senza Dzeko, con il Faraone già a quota 5, e con la vena ritrovata di Cristante, decisivo con il suo inserimento in occasione del vantaggio. La Roma sale ora a 19 punti, la vista sul quarto posto si fa più nitida.

Continua, invece, il periodo no della Sampdoria, alla terza sconfitta di fila, la seconda per 4-1, con la zona Europa che comincia ad allontanarsi.

LE DICHIARAZIONI DI DI FRANCESCO

“Oggi dico che sono molto contento della prestazione finale della squadra. Defrel ha fatto un grande gol, volutamente ha fatto un giocata di alto livello. La squadra mi è piaciuta, abbiamo lavorato veramente bene, sapevamo come fare male. Anche nello sviluppare, sebbene non abbiamo fatto cose eclatanti, sapevamo come far male agli avversari. Forse è la partita in cui sono più contento, di come la Roma è stata in partita e di come ha concretizzato”.

LE PAGELLE DELLA ROMA

Olsen 6,5: Dimostra una sicurezza ormai pienamente confermata. Si esalta con un intervento d’istinto nel finale

Florenzi 6: Non spinge molto, giocando una gara tutto sommato ordinata.

Manolas 6: Leggera sbavatura sul gol della Samp, preceduta dall’intervento da rigore poi annullato dal Var. Gara più faticosa del solito per il greco.

Jesus 6,5: Gioca ancora su buoni livelli, “rubando” il vantaggio a Cristante.

Kolarov 7: Torna inesauribile sulla sinistra. Da manuale la discesa in occasione del gol di Schick.

Nzonzi 6,5: Semplicità, tanta semplicità. Quella che ci vuole in certi momenti.

Cristante 6,5: Gara dopo gara la personalità sembra crescere. Decisivo nel vantaggio.

Kluivert 7,5: Praticamente imprendibile. Talento luccicante e scatto fulmineo. Manca il gol per una questione di centimetri. A volte troppo testardo nel dribbling, ma questo è argento puro.

Lo. Pellegrini 7: Continuità di prestazioni mostruosa per il numero 7. Ormai è lui il vero faro della Roma. Zaniolo SV

El Shaarawy 8: La giornata del Faraone. Due gol, tanti spunti e una forma che non si vedeva da tempo.

Schick 6,5: Non si è visto molto, ma un attaccante deve fare gol, e lui finalmente ci è riuscita, sperando sia il primo di una lunga serie.  Dzeko 6: Entra e sforna l’assist per il 4-1

DI Francesco 7: Prestazione vincente quella dei suoi, che crescono sotto ogni punto di vista. Ora l’ultimo sforzo: assumere continuità.

Federico Leoni

fonte foto: la Repubblica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.