Home News La Lazio è più forte dell’emergenza. A Verona finisce 3-0 per i...

La Lazio è più forte dell’emergenza. A Verona finisce 3-0 per i biancocelesti. Analisi e pagelle

0
CONDIVIDI

Due reti di Immobile e una Marusic fanno volare l’aquila al quarto posto in classifica

Torna al successo la Lazio, che reagisce prontamente alla brutta sconfitta patita contro il Napoli nel turno infrasettimanale.

Allo stadio Bentegodi, i biancocelesti fortemente rimaneggiati trovano poca resistenza da parte dell’Hellas e lo 0-3 finale è l’esatta sintesi del pomeriggio veronese.

Dopo una fase di assestamento dovuta anche ai nuovi innesti proposti da Inzaghi (prima stagionale in campionato per Patric e Luiz Felipe), la Lazio passa: fallo di Souprayen su Marusic, Immobile dagli undici metri non sbaglia e porta avanti i suoi.

Il raddoppio è ancora opera dei protagonisti della prima marcatura; al termine di uno scambio ravvicinato con il montenegrino, l’attaccante di Torre Annunziata trafigge nuovamente Nicolas e al riposo gli ospiti sono avanti di due goal.

Pecchia, il tecnico del Verona, prova a cambiare volto alla sua squadra, ma con Cerci e Kean gli scaligeri si sbilanciano ulteriormente e Marusic firma lo 0-3 su assist del sempre presente Immobile.

Dunque senza troppi affanni, Parolo e compagni si portano i tre punti al casa e si volano al quarto posto in classifica alle spalle di Juventus, Napoli e Inter. La difesa inedita ha fatto una buona figura, così come Lucas Leiva, che a centrocampo è risultato insuperabile.

Finalmente decisivo Marusic e su Immobile ormai sono finite veramente le parole. Gli ultimi due ostacoli prima della sosta sono lo Zulte Waregem giovedì prossimo in Europa League e il Sassuolo in Serie A, dopodiché si potrà pensare i tanti infortunati, che serviranno come il pane alla ripresa delle ostilità.

Mister Inzaghi ha esternato tutta la sua soddisfazione nel post gara, anche perché con cinque, sei indisponibili non era affatto semplice:”Siamo stati bravi a lasciarci alle spalle ciò che è successo in settimana, non era affatto semplice. I nuovi sono stati molto bravi, ma tutti sono stati fondamentali ai fini del risultato. Sappiamo che siamo meno attrezzati rispetto ad altre formazioni, ma con il lavoro e con le idee vogliamo rimanere agganciati alle big. Immobile? Sta giocando tanto, è un generoso, è giusto che anche Ventura punti forte su di lui”.

Pagelle Lazio:

Strakosha 6,5: Nell’unica circostanza in cui viene chiamato in causa risponde presente.

Patric 6,5: Alla prima stagionale in un ruolo non suo. Porta a casa la pagnotta in maniera diligente.

Luiz Felipe 6,5: Esteticamente lascia ancora qualche dubbio, ma nel complesso è stato più che positivo. Sempre puntuale nelle chiusure.

Radu 6,5: Sta facendo gli straordinari con risultati più che discreti. Sembra aver raggiunto la definitiva maturità.

Marusic 7,5: Da esterno alto è una furia, corre, spinge, si procura il rigore, propizia il 2-0 ed infine si toglie la soddisfazione di andare a segno.

Parolo 6,5: L’irruenza non riesce a metterla da parte, ma come al solito è l’uomo in più.

Lucas Leiva 6,5: Uno scudo difensivo. A centrocampo non fa passare praticamente nessuno. Se la porta laziale è rimasta inviolata è merito anche del lavoro sporco del brasiliano.

Lulic 6,5: Può cambiare ruolo, ma non la sostanza. Senad è il polmone del centrocampo con la sua corsa e le sue impostazioni.

Jordan Lukaku 7: Quando ha campo è impressionante, quasi impossibile da fermare. Mette in costante apprensione la difesa veronese.

Luis Alberto 6,5: Peccato che non riesce a trovare la marcatura. Per il lavoro di quantità e qualità che ha offerto lo avrebbe meritato.

Immobile 8: Altri due goal e un assist. Che altro aggiungere?

Dal 66′ Murgia 6: Entra a partita già archiviata.

Dal 71′ Caicedo 6: Prova a mettersi in mostra, giovedì in Europa toccherà a lui.

Dall’83’ Di Gennaro s.v.

Inzaghi 7: Riesce a trovare la giusta formula per sopperire alle tante assenze, senza però cambiare l’assetto di base. Bravo a credere in Luiz Felipe e Marusic, così come su Patric. Ottima anche l’intuizione di piazzare Leiva davanti alla retroguardia.

Antonio Pilato

Fonte immagine corrieredellosport.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here