Home News La Fiorentina inizia sull’altalena con un problema: Simeone non segna più

La Fiorentina inizia sull’altalena con un problema: Simeone non segna più

0
CONDIVIDI
Fonte beinsports.com

La prima parte di campionato dei viola si chiude con un andamento a corrente alternata: vittorie in casa, sconfitte (e un pareggio) in trasferta, il tutto da fronteggiare con la crisi dell’attaccante argentino

Il campionato fin qui disputato dalla Fiorentina di Pioli si può dividere perfettamente in due. Quattro vittorie su quattro partite al Franchi, tre sconfitte e un pareggio fuori. Le attenuanti per i toscani ci sono tutte a cominciare dall’età media dei giocatori viola: la squadra più giovane del campionato, grandi qualità ma sicuramente ancora soggetta a cali di tensione. Altro aspetto da non sottovalutare è la difficoltà delle gare giocate lontane dal Franchi: i match fuori casa della Fiorentina sono stati contro Napoli, Sampdoria, Inter e Lazio. Altrettanto vero che le partite tra le mura amiche hanno visto a Firenze Chievo, Udinese, Spal e Atalanta.

Quale sia la vera squadra di Pioli lo dirà il tempo, quello che si può sottolineare è l’assoluta caratura dei giovani viola, fiore all’occhiello della società. All’interno della squadra, che al rientro dalla sosta affronterà il Cagliari in casa, inizia a serpeggiare una qualche insofferenza nel reparto avanzato. Il motivo? Giovanni Simeone non trova la via della rete da quasi un mese. Era il 19 settembre quando nel recupero della prima giornata il Cholito ha segnato l’ultimo gol in questo campionato. L’impegno sicuramente non manca, l’argentino fa della “garra” la sua arma principale, ma spesso ultimamente, sembra un pesce fuor d’acqua, tanta corsa ma pochi sussulti. La Fiorentina ha bisogno dei gol di tutti i suoi tenori.

A Pioli il compito di rigenerare un reparto avanzato che, in prospettiva, è tra i migliori del torneo. Il supporto a Simeone non manca: Chiesa è sempre sugli scudi, tra i migliori calciatori italiani in circolazione; completa il tridente uno a scelta tra Pjaca, Mirallas e Eysseric, il tecnico viola non ha ancora fatto una scelta definitiva. Nessuno dei tre promettentissimi ragazzi ha dato dimostrazione di completezza, servirà comunque minutaggio in campo. Pioli, in fin dei conti, sembra essere l’uomo giusto per orchestrare “la meglio gioventù” fiorentina, il tempo c’è ancora ma devono arrivare anche i risultati. D’altronde le panchine in serie A hanno già iniziato ad impazzire.

Glauco Dusso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.