Home News Frosinone: uscire a testa alta dal San Paolo sarebbe una vittoria

Frosinone: uscire a testa alta dal San Paolo sarebbe una vittoria

0
CONDIVIDI

In casa gialloazzurra ci si sta preparando per la complicata sfida contro i ragazzi di Ancelotti

I ciociari si apprestano a disputare un incontro ostico: sabato al San Paolo sfideranno il Napoli. Longo è consapevole dell’ostacolo insormontabile che i suoi uomini dovranno affrontare: ottenere i tre punti è un sogno difficile da trasformare in realtà, ardito da pronosticare anche per i tifosi più affezionati.

Nelle ultime gare i canarini hanno mostrato buone cose, tanti giovani si sono messi in luce. Tra coloro che hanno ben figurato c’è stato Beghetto. Il centrocampista di sinistra (all’occorrenza ala) classe 94’ è stato prelevato dal Genoa quest’estate per 1,5 mln.€ e dopo un periodo di adattamento alla massima serie si è ritagliato il proprio spazio coniugando la caparbietà alla velocità e al frizzante dribbling. In 7 partite di campionato non ha ancora realizzato nè reti né assist: i passaggi decisivi sono ancora a quota zero a causa soprattutto dell’imprecisione dei suoi compagni, in particolar modo degli attaccanti poco cinici in area di rigore.

Nell’11 titolare che affronterà i ragazzi di Ancelotti dovrebbe trovare spazio Ciano. Il classe 90’ è rientrato negli ultimi minuti di gara (al 86’, al posto di Maiello) del match di domenica contro il Cagliari e sembra essersi messo alle spalle il problema al flessore della coscia destra che gli ha impedito di disputare le sfide contro Fiorentina ed Inter. Numeri alla mano è il talismano della squadra: con lui in campo la media punti è di 0,9 ogni 90 minuti, in sua assenza è di 0,5. Numeri casuali secondo alcuni, forse non del tutto perché se andiamo a consultare i dati ci rendiamo conto che finora è stato lui il giocatore più ispirato: tre reti e altrettanti assist in 12 partite, nessun compagno si avvicina a queste cifre.

Al San Paolo non ci saranno Ciofani (rottura del legamento crociato) ed Hallfredsson (sottopostosi ad un intervento chirurgico per la pulizia e la scarificazione del tendine rotuleo del ginocchio destro): entrambi torneranno a disposizione a marzo.
L’infortunio della prima punta potrebbe consentire a Pinamonti di trovare maggiore spazio: le 2 segnature messe a referto nei pochi minuti concessigli (205) sono un segnale incoraggiante ma non sufficiente per un ragazzo giunto dall’Inter con l’obiettivo di giocare con continuità in Serie A.

Paolo A.G. Pinna
Fonte foto: Pianeta Empoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.