Home News Empoli: contro il Milan per non fermare la corsa

Empoli: contro il Milan per non fermare la corsa

12
0
CONDIVIDI

Dopo l’importante vittoria del derby i toscani vogliono far punti anche a San Siro

La vittoria scacciacrisi non poteva arrivare in una giornata e in un modo migliore. In trasferta, nel derby contro la Fiorentina, in uno stadio dove non si vinceva da 20 anni, con un rigore all’ultimo minuto. Dopo sette sconfitte consecutive Maccarone e compagni sono ripartiti nel match giusto, mostrando una grinta che non si vedeva da qualche giornata. Forse le due vittorie consecutive di un Crotone in forma, anche alla luce dell’ottimo punto esterno rimediato contro il Toro, hanno acceso una scintilla negli azzurri, capaci di tirar fuori quell’orgoglio necessario per ottenere una vittoria fondamantale per aumentare ancora il divario in classifica. Ora il vantaggio dal terz’ultimo posto sono cinque punti a sei giornate dalla fine.

Dopo Firenze, non si può assolutamente allentare la pressione, perchè il prossimo avversario si chiama Milan. Avversario di alto livello, per di più a San Siro, fortino amico dove insegue una qualificazione europea lontana ormai tre anni. Per questo sarà una sfida dall’alta tensione con tanto in ballo per entrambe le squadre. Martusciello si porta dietro ancora qualche dubbio di formazione.

Dovrebbero essere confermati dieci undicesimi della formazione vincente al “Franchi”. In porta davanti Skorupski ci saranno da destra a sinistra Veseli, Bellusci, Barba e l’eroe del derby Pasqual. A centrocampo ci sarà Croce, nonostante qualche acciacco che ormai si porta dietro da tempo, Buchel e dubbio Mauri-Dioussè per sostituire lo squalificato Krunic, con l’africano favorito. Confermatissimo El Kaddouri dietro le punte, arrivato a tre gol nelle ultime quattro partite. Davanti il talismano Mchedelidze verrà affiancato da Thiam, visto anche il dubbio sulle condizioni fisiche di Pucciarelli alle prese con una distorsione alla caviglia.

Calcio d’inizio domenica alle ore 15. Con l’orecchio sempre attaccato alla radiolina per ascoltare il parziale da Genova, ma consci di essere sempre più artefici del proprio destino.

Foto presa da: Sportal

Emanuele Tinari

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here