Home News Chievo-Genoa 0-1, decide ancora Laxalt nel finale

Chievo-Genoa 0-1, decide ancora Laxalt nel finale

0
CONDIVIDI

La squadra di Ballardini vince ancora nel recupero e conferma il suo ottimo stato di forma, gialloblù nuovamente sconfitti

Stati d’animo completamente diversi per le due squadre che sono scese in campo oggi al Bentegodi. Il Chievo non vince da nove giornate, un periodo lunghissimo in cui ha conquistato solo due punti con Roma e Udinese. Il Genoa invece arriva alla gara galvanizzato dalla vittoria nell’ultima giornata contro la Lazio a Roma. Il primo tempo, come da previsioni visti i numeri delle due squadre, viaggia su ritmi bassissimi con entrambe le squadre che puntano principalmente a difendere la propria area di rigore. I due allenatori in questa situazione di stallo iniziale cercano di mettere mano alla squadra con qualche cambio. Il primo arriva in casa Genoa quando, ancora nella prima frazione di gioco, viene sostituito Galabinov e al suo posto entra Lapadula. Si va negli spogliatoi sul risultato di 0-0 come ampiamente pronosticabile.

La ripresa si conferma sugli stessi livelli del primo tempo, anche se il Genoa sembra avere qualcosa in più, in particolare con Pandev che crea qualche preoccupazione alla porta di Sorrentino. Nel finale di partita i rossoblù si spingono in avanti alla ricerca del vantaggio. Vantaggio che arriva, come a Roma, nei minuti di recupero e ancora una volta nasce dai piedi di Diego Laxalt che con un diagonale molto angolato batte il portiere avversario. Finisce dunque 1-0 per il Genoa una partita che ha visto la noia fare da padrona. La squadra di Maran sembra non uscire più da una crisi che ormai dura da dieci partite (senza vittoria) e nemmeno il nuovo acquisto Giaccherini sembra aver dato la scossa alla squadra. Altro problema per il Chievo sono i gol, che ormai da tempo stentano ad arrivare, complice anche l’assenza per infortunio di Inglese, che però oggi ha giocato, senza lasciare traccia. Anche il Genoa segna poco, ma subisce pochissimo, meglio di lei solo Napoli, Juve, Inter e Roma. Gol che però quando arrivano sono spesso decisivi, come successo nelle ultime due partite (sempre con Laxalt). Ballardini può ritenersi più che soddisfatto per aver portato i suoi lontani dalla zona retrocessione e in una situazione tranquilla di centroclassifica.

foto fonte: Ansa

Lorenzo Lecce

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here