Home Interviste in Esclusiva Beppe Iachini: “La Juve ogni anno è sempre più potente”

Beppe Iachini: “La Juve ogni anno è sempre più potente”

0
CONDIVIDI

L’ex mister del Sassuolo: “Roby Baggio è stato il calciatore più forte con cui abbia giocato”

Ai microfoni di passionedelcalcio.it è intervenuto Beppe Iachini.

Iachini tra gli anni ottanta e novanta ha indossato le maglie del Verona e della Fiorentina tra le altre. Come allenatore vanta quattro promozioni dalla B alla A con il Chievo, il Brescia, la Sampdoria e il Palermo.

Un mini bilancio su questo inizio di campionato?

La Juventus sta dimostrando ancora una volta di essere più forte delle altre. Ogni anno si rinforza ulteriormente.

In Champions solo la Juventus tra le italiane può puntare al successo finale?

E’ un torneo particolare perchè si decide tutto nelle partite conclusive. Bisogna arrivare a primavera con i giocatori in forma. Le sfide vengono decise anche da piccoli episodi perciò è difficile fare delle previsioni. Ci sono troppi fattori impronosticabili. La Juve la inserisco sicuramente nel novero delle favorite, ma anche le altre italiane possono disputare un buon cammino.

E’ una serie B equilibrata?

Molto. Le squadre retrocesse in serie cadetta nella scorsa stagione ovvero il Crotone, il Verona e il Benevento vorranno risalire immediatamente ma occhio alle sorprese. Il Palermo anche punta a tornare in A.

Come si è evoluto il ruolo dell’allenatore negli anni?

Sono variate le metodologie e si sta più attenti ai dettagli grazie anche alla tecnologia. Si studiano tantissime strategie. Anche i rapporti con la stampa hanno subìto una evoluzione.

A proposito di ex mister, nel 2009 lei ha lavorato nel Brescia con Gigi Maifredi. Lei allenatore e lui consulente tecnico. Un ricordo?

Ottima persona. Alla fine degli anni ’80 faceva giocare il suo Bologna in maniera spumeggiante. Nel 2009 abbiamo portato il Brescia in A.

E’ stato il momento migliore della sua carriera?

Sì, insieme alle promozioni nella massima serie che ho raggiunto alla guida del Chievo, della Sampdoria e del Palermo. Sono molto soddisfatto anche della passata stagione perchè ho preso il Sassuolo in acque agitate e abbiamo poi concluso il torneo all’undicesemo posto. Da giocatore invece l’annata in viola del ’90 si concluse con la finale persa in Coppa Uefa contro la Juventus.

Uno dei suoi compagni di quella stagione era un certo Roberto Baggio. Un aggettivo per Roby?

E’ stato un campionissimo. E’ un amico. Una persona eccezionale e con la battuta sempre pronta.

Fonte foto: Gazzetta.it

Stefano Rizzo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.