Home Interviste in Esclusiva Odoacre Chierico: “Una grande Roma può passare il turno”

Odoacre Chierico: “Una grande Roma può passare il turno”

0
CONDIVIDI

L’ex centrocampista giallorosso: “Il non aver potuto calciare il quinto rigore nella finale della Coppa dei Campioni dell’84 contro il Liverpool a Roma rappresenta il mio più grande rammarico”

Passionedelcalcio.it ha intercettato a poche ore dalla sifda della Roma in Champions contro lo Shakhtar Donetsk l’ex centrocampista giallorosso Odoacre, detto Dodo, Chierico.

Chierico ha indossato, tre le altre, le maglie dell’Inter, della Roma e dell’Udinese. Con i giallorossi si è laureato campione d’Italia nel 1983.

Che partita dovrà disputare la Roma per passare il turno?

Dovrà trovare il gol innanzitutto. Mi aspetto una grande partita. I giallorossi saranno spinti da un pubblico incredibile. Meritiamo di andare più in là possibile in Champions.

Chi può vincere la Champions League in questa stagione?

Le favorite sono sempre le solite.

Chi teme di più tra la Lazio e l’Inter nella corsa per un posto valido per la prossima Champions?

Nessuno. Se la Roma gioca come sa può tranquillamente raggiungere il proprio obiettivo in campionato. Purtroppo ci sono stati diversi infortuni. Non sempre si riesce a sopperire alle assenze perchè chi entra delle volte non è all’altezza del titolare.

Il Napoli può restare aggrappato alla Juve per poi tentare un nuovo sorpasso?

Nel calcio tutto è possibile. I partenopei hanno perso punti contro due grandi club. La Juventus anche avrà delle avversarie toste da qui fino al termine del campionato. In questo momento la Juve però è la squadra favorita per la vittoria finale.

Cosa aveva in più la sua Roma rispetto alle formazioni giallorosse che in questi anni si sono classificate spesso sul podio senza però alzare trofei?

Non si possono fare paragoni con il passato. In questi anni la Juve è stata la squadra più attrezzata, ma la Roma ha disputato comunque delle ottime stagioni.

Il suo ricordo più bello in giallorosso?

Non ce ne è uno in particolare perchè è stata eccezionale l’intera stagione in cui abbiamo vinto lo Scudetto nell ’83. Invece il mio più grande rammarico è legato a quella finale di Coppa dei Campioni persa in casa contro il Liverppol. Ero il quinto rigorista ma purtroppo non ho avuto la possibilità di afferrare il pallone è di poggiarlo sul dischetto.

Fonte foto: soccermagazine.it

Stefano Rizzo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.