Home Editoriali Niente ‘Notti Magiche’ in Russia

Niente ‘Notti Magiche’ in Russia

0
CONDIVIDI

La Nazionale italiana viene eliminata ai play off dalla Svezia e non sarà presente alla prossima rassegna iridata nell’estate del 2018

Un Mondiale senza l’Italia come 60 anni fa, una delusione incredibile che si è consumata ieri sera. Una catastrofe sportiva per l’Italia intera, uno scenario negativo senza precedenti.

Una ‘mazzata’ per il nostro paese, per gli aspetti sociali, culturali ed economici.

Rispetto a sessanta anni fa il danno è estremamente maggiore considerato tutto ciò che oggi ruota intorno al calcio: diritti tv, sponsor, turismo, social etc.

Più di 180 minuti contro una Svezia modesta senza neanche segnare un gol.

Una Vergogna!!!

Il Commissario Tecnico Ventura non deve essere trattato come il capro espiatorio perché non sarebbe giusto, ma comunque è il responsabile principale di questa disfatta epocale. In due anni non ha creato nè un gruppo solido e determinato e nè un gioco. Commettendo alcune scelte scellerate nei momenti topici. Ha schierato una Nazionale spregiudicata contro la Spagna e abbottonata contro la Svezia.

Il gioco è apparso lento e prevedibile. Insigne, il giocatore con più talento tra gli azzurri, ha giocato nel play off solo uno scampolo finale nella partita di andata. Purtroppo Ventura non è stato all’altezza della situazione, forse anche per la mancanza di esperienza a certi livelli internazionali.  Il Presidente della FIGC Tavecchio anche ha grandi responsabilità perchè i giovani italiani fanno sempre più fatiche ad emergere.

Gli ultimi campioni del mondo del 2006 ancora in campo tra gli azzurri Buffon, Barzagli e De Rossi lasciano la Nazionale nel peggior modo possibile, tra le lacrime amare.

Nessuna bandiera tricolore sventolerà sui balconi, non ci saranno i suoni delle trombette e dei claxon a fare da contorno ai gol azzurri, nessun’attesa spasmodica… nessun bambino si innamorerà di qualche campione azzurro.

Ora si deve e si dovrà ripartite cercando di cambiare un sistema arrivato ormai al tracollo.

Foto fonte: Corriere.it

Stefano Rizzo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here