Home Editoriali Campionati europei: a San Siro andati in scena i 2 minuti che...

Campionati europei: a San Siro andati in scena i 2 minuti che probabilmente decideranno questo campionato

0
CONDIVIDI

L’Hellas Verona è virtualmente in B; il Barcellona festeggia il titolo di campione di Spagna a La Coruna con un super Messi

I minuti finali di Inter-Juventus molto probabilmente decideranno le sorti di questo torneo. La Juve riesce a capovolgere la situazione passando dal 2-1 al 2-3 grazie all’autorete di Skriniar, su una grande giocata di Cuadrado, e al gol di Higuain. In precedenza Diego Costa aveva portato in vantaggio i bianconeri nella prima frazione di gioco. Nella ripresa prima Icardi di testa e poi l’autogol di Barzagli avevano dato a sopresa, vista l’inferiorità numerica, il vantaggio ai nerazzurri. Infatti il direttore di gara Orsato aveva espulso dopo pochi minuti di gioco Vecino, mentre nella seconda frazione non ha cacciato Pjanic già ammonito dopo un brutto fallo.

Il Napoli come nella sconfitta contro la Roma, quando pagò a livello piscologico il gol allo scadere dello juventino Dybala alla Lazio, scende in campo contro la Fiorentina pensando troppo alla Juve.

Il risultato finale di 3-0, tripletta di Simeone, non dà scampo agli azzurri. I partenopei calano a -4 dai bianconeri e vedono svanire i sogni scudetto salvo colpi di scena clamorosi.

In zona Champions bene le romane. La Roma liquida senza fatica il Chievo, mentre la Lazio è corsara a Torino sponda granata. I nerazzurri vanno così a – 4 dalle due compagini capitoline.

In coda l’Hellas Verona alza bandiera bianca e si arrende alla SPAL per 1-3. Vittoria molto rotonda del Crotone sul Sassuolo 4-1.

L’Udinese soffre a Benevento si fa rimontare e coglie un punto che comunque smuove la classifica.

Dopo il Chievo e l’Udinese forse in queste ultime giornate anche il Cagliari cambierà tecnico, a rischio perciò Diego Lopez.

Il Barcellona conquista la sua 25esima Liga sconfiggendo per 2-4 il già retrocesso Deportivo La Coruna. Mattatore di turno il solito Messi che con la tripletta si porta in testa nella classifica della scarpa d’oro con 32 gol scavalcando Salah e avendo più giornate ancora a disposizione. Ottava doppietta Liga e Copa del Rey per i blugrana e settimo campionato vinto negli ultimi dieci anni.

 

 

 

 

Fonte foto: gazzetta.it e Facebook.com

Stefano Rizzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here